Sola con te in un futuro Aprile di Margherita Asta e Michele Gargiulo – RECENSIONE

11 Marzo 2022 0 Di rosa78gervasi
Book Cover: Sola con te in un futuro Aprile di Margherita Asta e Michele Gargiulo - RECENSIONE

 

Carissimi Book Lovers, oggi vi porto la recensione del romanzo di Margherita Asta e Michela Gargiulo "Sola con te in un futuro Aprile", in collaborazione con la casa editrice Fandango Libri.

 

Scheda Tecnica

  • Titolo: Sola con te in un futuro Aprile
  • Autore: Margherita Asta, Michela Gargiulo
  • Data di Pubblicazione: 7 Gennaio 2022
  • Genere: Biografia
  • Casa Editrice: Fandango Libri
  • Pagine: 224

 

Trama

2 aprile 1985, ore 8.35. Un'autobomba esplode a Pizzolungo, vicino Trapani. Il giudice Carlo Palermo, bersaglio dell'attentato, è vivo per miracolo. A fargli da scudo è l'automobile di Barbara Asta che sta accompagnando a scuola i due figli di sei anni, Giuseppe e Salvatore. Dei loro corpi non rimane quasi nulla. Su quella macchina avrebbe dovuto esserci anche l'altra figlia, Margherita, che quel giorno per non fare tardi a scuola chiede un passaggio ad una amica. Oggi è una attivista di Libera e combatte la mafia raccontando la storia di quelle vittime innocenti.

 

"𝐶ℎ𝑖 𝑣𝑖 ℎ𝑎 𝑎𝑠𝑠𝑎𝑠𝑠𝑖𝑛𝑎𝑡𝑜 𝑞𝑢𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑚𝑎𝑡𝑡𝑖𝑛𝑎 ℎ𝑎 𝑐𝑒𝑟𝑐𝑎𝑡𝑜 𝑑𝑖 𝑓𝑟𝑎𝑛𝑡𝑢𝑚𝑎𝑟𝑒 𝑙𝑎 𝑚𝑖𝑎 𝑣𝑖𝑡𝑎 𝑖𝑛𝑠𝑖𝑒𝑚𝑒 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑣𝑜𝑠𝑡𝑟𝑎 𝑚𝑎 𝑛𝑜𝑛 𝑐'𝑒' 𝑟𝑖𝑢𝑠𝑐𝑖𝑡𝑜. 𝐻𝑜 𝑣𝑖𝑠𝑡𝑜 𝑖𝑙 𝑡𝑢𝑜 𝑐𝑜𝑟𝑝𝑜 𝑓𝑎𝑡𝑡𝑜 𝑎 𝑝𝑒𝑧𝑧𝑖 𝑒 𝑛𝑜𝑛 ℎ𝑜 𝑝𝑜𝑡𝑢𝑡𝑜 𝑛𝑒𝑚𝑚𝑒𝑛𝑜 𝑟𝑎𝑐𝑐𝑜𝑔𝑙𝑖𝑒𝑟𝑙𝑖, ℎ𝑜 𝑣𝑖𝑠𝑡𝑜 𝑖𝑙 𝑠𝑎𝑛𝑔𝑢𝑒 𝑑𝑒𝑖 𝑚𝑖𝑒𝑖 𝑓𝑟𝑎𝑡𝑒𝑙𝑙𝑖 𝑑𝑖𝑠𝑒𝑔𝑛𝑎r𝑒 𝑛𝑢𝑣𝑜𝑙𝑒 𝑟𝑜𝑠𝑠𝑒 𝑠𝑢𝑖 𝑚𝑢𝑟𝑖 𝑏𝑖𝑎𝑛𝑐ℎ𝑖 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑒 𝑐𝑎𝑠𝑒."

Una storia toccante e dolorosa ci viene raccontata in questa biografia che ripercorre l'attentato del 2 aprile 1985 il cui bersaglio doveva essere il giudice Palermo, ma che invece ha colpito un altra auto guidata da una donna che stava portando i suoi due figli a scuola.

Questi bambini sono i fratelli di Margherita che all'epoca aveva dieci anni e per un caso fortuito non si è trovata su quell'auto. Lei diventa una sopravvissuta e il senso di colpa per aver scelto di farsi dare un passaggio per non arrivare in ritardo a scuola, la accompagnerà per diverso tempo.

A distanza di anni Margherita ripercorre quello che è successo, cercando di capire e di darsi una spiegazione, dando la colpa a quel giudice ancora in vita.

In queste pagine vengono raccontate molte vicende anche processuali, che ripercorrono un periodo storico dove la mafia mieteva vittime, la scrittura è attenta e semplice per aiutare a capire eventi complessi. 

Sono rimasta molto colpita da quello che è successo a Margherita, mi ha commosso con la sua scrittura schietta e diretta. Un giorno come tanti si è trasformato in tragedia cambiando per sempre le sorti di due famiglie. 

Dopo quel giorno il giudice Palermo ha lasciato la magistratura e diversi anni dopo si è incontrato con Margherita.

Una storia che fa riflettere, un libro attuale che dovrebbero far leggere a scuola.

“Sono passati trent'anni dal 2 aprile 1985. E in tutto questo tempo ho aspettato di incontrarti ancora. Di ritrovarti in un futuro aprile, e camminare accanto mano nella mano. Ho visto morire pezzi di verità uno dopo l'altro, uccisi con un tempismo perfetto prima che si ricongiungessero. Forse basterebbe mettere insieme tutte quelle morti, nel loro ordine naturale, per avere davanti quel “capolavoro di verità scritto con il sangue”.

 

Pubblicato:
Editors:
Cover Artists:
Genres:
Tags: