Rutka. La bambina segreta di Joanna Fabicka – RECENSIONE

23 Ottobre 2021 0 Di rosa78gervasi
Book Cover: Rutka. La bambina segreta di Joanna Fabicka - RECENSIONE

Carissimi Book Lovers,oggi vi porto la recensione di un bellissimo libro per ragazzi "Rutka - La bambina segreta" di Joanna Fabicka, illustrato da Mariusz Andryszczyk, in collaborazione con la casa editrice Rizzoli.

 

Scheda Tecnica

Titolo: Rutka. La bambina segreta
Autore: Joanna Fabicka
Editore: Rizzoli
Serie: Autoconclusivo
Data pubblicazione: 7.9.21
Genere: Libri illustrati per ragazzi
Pagine: 226
Formato: digitale (euro 9,99) cartaceo (euro 16,00)
ACQUISTALO QUI: AMAZON

 

Trama

Nel cortile di via Rybna 13, a Lódz, Zosia si annoia a morte. Ma quando la bizzarra zia Róia entra nella sua vita, e veloce si installa nel suo cuore, il mondo intorno a lei si trasforma. I muri degli edifici non sembrano più così scrostati, il salice al centro del cortile non è più tanto ricurvo e, tra i rami, fa capolino una treccina rossa sconosciuta. È Rutka, una vicina che Zosia non sapeva di avere. Con lei si accendono magia, follie e avventure surreali, e l'immaginazione spazia senza limiti. Ma, mentre corrono mano nella mano per la città, una musica triste scorre sotto i loro piedi e un racconto muto si svolge sotto il nostro sguardo: i muri, le ombre, le immagini misteriose evocano le storie di dolore degli ebrei durante la Seconda guerra mondiale. C'è il Signore Bianco che ingoia farfalle, e c'è la stazione di Radegast, da dove partono vagoni carichi di persone dirette al Pianeta di Diamante. Un mondo che emerge dai ricordi di chi è sopravvissuto, ma che non riesce a prendere il sopravvento. A prevalere, in questa emozionante storia di amicizia e di scoperta, dove passato e presente danzano insieme, sono il desiderio di vivere e le infinite possibilità di quel tesoro che è l'infanzia. Età di lettura: da 8 anni.

 

Zosia ama la scuola e quando finisce si rattrista molto, non ci sono bambini nel suo quartiere con cui giocare. le vacanze si prospettano noiose e il suo fratellino è troppo piccolo per giocare con lei. Quando la mamma parte per lavoro, lascia la zia Roza ad occuparsi di loro, Zosia non si aspettava certo una zia così stravagante che, pur sulla sedia a rotelle, riesce a fare tantissime cose.

Un giorno Zosia incontra una bambina, si chiama Rutka e vive nella palazzina di fronte, non pensava ci abitasse qualcuno visto le condizioni della struttura. Le bambine fanno subito amicizia e giocano insieme, ma Zosia si accorge della tristezza negli occhi di Rutka.

Ci ritroviamo a vivere avventure insieme a queste meravigliose bambine, a volte magiche, Rutka è davvero speciale e ci trasporta in un mondo favoloso, tra sogno e realtà.

Con lo sfondo della seconda guerra mondiale, l'autrice ci racconta la storia di una profonda amicizia, e la tristezza di una bambina che ha visto partire i propri genitori in un viaggio di non ritorno, su un treno senza finestre, ancora lì ad aspettarli convinta che torneranno a prenderla.

Un romanzo che mi ha commossa, mi ha spezzato il cuore. Emozioni forti e tante da gestire, impossibile non innamorarsi della zia Roza e provare empatia per le bambine. Una scrittura fluida e poetica quella della scrittrice che ci porta in un periodo funesto della storia, ma che, grazie a Rutka e Zosia, ci fa vivere anche la magia di quell'età.

 

 

Pubblicato:
Editors:
Cover Artists:
Genres:
Tags: