Ritorno da te di Antonella Angelillo – Review Party – RECENSIONE

12 Febbraio 2021 0 Di rosa78gervasi
Book Cover: Ritorno da te di Antonella Angelillo - Review Party - RECENSIONE

Carissimi Book Lovers, oggi Review Party, la nostra Giulia ci parla del romanzo di Antonella Angelillo "Ritorno da te", in collaborazione con la casa editrice Literary Romance, che ringrazio per avermi coinvolta nell'iniziativa.

 

Scheda Tecnica

 Ritorno da te
 Antonella Angelillo
 narrativa
 Literary Romance
 cartaceo, ebook
 160
 25 gennaio 2021
ACQUISTALO QUI:
AMAZON

 

Sinossi

Aurora, all’indomani del giorno di laurea, riceve un’inaspettata telefonata: don Giorgio la informa che a Borgo c’è qualcosa che l’amata e defunta nonna Clarabella le ha lasciato. Lo stupore e la curiosità spingono la giovane verso il paesino che l’ha vista crescere, tra i compaesani del papà e un vecchio ippocastano che domina la piazza da tempo immemore. È Mirella, storica proprietaria di un vecchio albergo, a narrare le rocambolesche ricerche di Aurora in quella che sembra una vera e propria caccia al tesoro. Tra strane amicizie, un burbero ex che ritorna, e indizi disseminati qua e là, questo fantomatico tesoro vedrà la luce? Ma, soprattutto, riuscirà a ridare un’anima a un paesello ormai dimenticato?“ La vita è un tesoro che potrai trovare, se scegli di agire piuttosto che stare a guardare. Tra oggetti storici e antichi consiglio di cercare, l’ingresso al labirinto che, cauta, dovrai attraversare.”

 

La lettura di questo libro, devo ammettere, che mi ha stupita parecchio: quando ho letto il titolo ho subito pensato ad una storia d'amore dove due ragazzi si amano ma per qualche motivo sono costretti a separarsi, finché il destino ci mette lo zampino e si ritrovano, cresciuti, cambiati ma sempre innamorati.

Non potevo sbagliarmi di più perché questa storia parla sì di un amore vecchio, ma il tema principale è l'amore per sé stessi, per quello che si è, per le proprie origini.

Aurora, e un po' noi ragazzi giovani, vive in un mondo dove potrebbe avere molte possibilità, specialmente se si vive a Milano, ma non sa cosa scegliere, non sa cosa vuole perché ha troppa paura di liberare il suo vero desiderio, di avverarlo perché non sarà facile farlo diventare realtà.

Qui entra in gioco il destino che la costringe a tornare a Borgo, un piccolo paesino dove andava spesso negli anni precedenti, ma negli ultimi anni andava e tornava in giornata.

Attraverso gli occhi di Aurora, degli altri personaggi e di un albero magico scopriremo la vera storia di Borgo e un segreto che è rimasto sepolto per moltissimi anni.

L'ambientazione: come ho già detto Borgo è un piccolo paesino affascinante, misterioso, che è stato abbandonato un po' a stesso ma che sotto la forza dell'albero magico non si arrende e in qualche modo anche se isolato, disabitato e abbastanza fatiscente il suo cuore continua a battere. Un cuore che verrà sentito da Aurora e da tutti gli abitanti.

Le descrizioni sono una via di mezzo, ovvero sono dettagliate ma non tanto da diventare prolisse, lo sono abbastanza per farci vedere quei luoghi attraverso gli occhi di Aurora e non solo com'è adesso, ma com'era una volta. Al suo antico splendore.

Queste descrizioni mi hanno fatto venire voglia di andare a Borgo e di vedere questi luoghi con i miei occhi, camminare su quelle strade e magari riconoscere qualche posto importante per i protagonisti.

Sì, Borgo è ispirato ad un luogo che esiste veramente ma non vi dirò il suo nome dove si trova perché, com'è successo ad Aurora prima di vederlo dovrete sentire la sua magia e la sua storia.

La trama: devo dire che è molto intrigante. Come ho detto poco fa, quando ho iniziato questo libro mi aspettavo la solita storia d'amore però quando ho iniziato a leggere ho capito che c'era sempre di più e non mi riferisco al tesoro nascosto, al motivo che ha portato Aurora a tornare a Borgo- e dover restarci per tanto tempo per la prima volta dopo anni- né ai sotterfugi e ai misteri che nasconde questo paesino, ma mi riferisco al viaggio che ha fatto Aurora, prima, durante e soprattutto dopo, perché grazie al suo viaggio, al suo non arrendersi, al suo essere curiosa e al suo rispolverare dei vecchi ricordi è cresciuta e io l'ho fatto con lei.

Quando ho finito di leggere questa storia e ho capito i quando, come e perché mi sentivo cresciuta, più forte nonostante lo abbia letto in pochissimi giorni.

Mi sono sentita più sicura e felice perché le persone cattive nel mondo esistono, non possiamo negarlo, ma alcune di esse lo sono diventate perché si sono perse, sono sole o hanno soltanto tanta paura di non essere accettati per quello che sono, ma appena trovano una mano che li sostiene e che li tiene su nonostante gli scossoni, si possono scoprire tante cose e le persone stesse capiscono che non devono vergognarsi di ciò che sono ma esserne fieri.

La moda passa, la vita resta.

Cosa vuol dire? Puoi essere cattivo perché i cattivi sono più fighi, più alla moda, hanno abiti migliori, case migliori ma poi l'essere cattivi passa di moda e lo diventa l'essere buoni. Non puoi cambiare così facilmente, perché le persone con cui sei stato cattivo non ti crederanno e rimarrai etichettato così, sarai guardato con sospetto per tanto tempo, perché alcuni vanno oltre ma non tutti ci riescono o possono.

Quelli che sono stati buoni anche quando la moda era un'altra, lo saranno adesso e dopo per tutta la vita. Si può cambiare, certo ma se rimarrai fedele a te stesso e troverai quella forza anche quando il buio ti prenderà sarai stato moda ma adesso sei vita.

Che tu abbia sei anni, diciotto, trenta, quaranta o più, ricorda sempre che il sole torna sempre a splendere e che credere in noi, per quanto possa essere difficile, è sempre la scelta migliore.

Chapeau Antonella!

Alla prossima avventura!

 

 

Pubblicato:
Editors:
Cover Artists:
Genres:
Tags: