Quando il mondo era nostro di Roxanne Veltzos – RECENSIONE

5 Maggio 2022 0 Di rosa78gervasi
Book Cover: Quando il mondo era nostro di Roxanne Veltzos - RECENSIONE

Carissimi Book Lovers, oggi vi porto la recensione del bellissimo romanzo storico di Roxanne Veltzos "Quando il mondo era nostro", in collaborazione con la casa editrice Nord.

 

Scheda Tecnica

  • Titolo: Quando il mondo era nostro
  • Autore: Roxanne Veltzos
  • Data di Pubblicazione: 24 Marzo 2022
  • Genere: Romanzo Storico
  • Casa Editrice: Editrice Nord
  • Pagine: 360
  • ACQUISTALO QUI: AMAZON

 

Trama

Ungheria, 1943. Eva credeva di sapere cosa fosse l'amore. Fidanzata con un brillante studente di medicina, pensava di avere tutto ciò che potesse desiderare. Ma, da quando il suo sguardo ha incrociato quello di Aleandro, un giovane artista dalle grandi ambizioni, Eva non ha più certezze. L'unica cosa che sa è che nessuno la fa sentire così, come se si fosse svegliata da un lungo sonno. Tra i due nasce un sentimento che si fa ogni giorno più forte: non importa che lei sia già promessa a un altro e che suo padre – fervente sostenitore del nazismo – impazzirebbe di rabbia se sapesse che la figlia frequenta un uomo di una razza inferiore. Eva è disposta a lottare con ogni mezzo per affermare il suo diritto alla felicità. Quel sogno, però, sta per essere spazzato via dalla guerra che infuria in tutta Europa e che, alla fine, travolgerà anche le loro vite. Eppure, nonostante gli anni e i chilometri di distanza, Eva e Aleandro non smetteranno mai di cercarsi e credere che il loro amore sia più forte anche del destino... Ci sono momenti in cui tutto sembra perduto, periodi in cui pare esserci spazio solo per la sofferenza. La storia di Eva e Aleandro invece ci ricorda di non perdere mai la speranza, perché l'amore può illuminare anche le epoche più buie.

 

Siamo in Ungheria, nel 1943.

Eva crede di avere una vita perfetta, fidanzata con un ragazzo che studia per diventare chirurgo, che condivide con lei ogni momento prezioso. Lei vorrebbe diventare infermiera, è questo il suo sogno e poter aiutare i feriti di guerra. Ma, quando si ritira nella villa a Sopron con il padre, incontra Aleandro e tutto cambia.

Aleandro è un artista molto bravo, i suoi disegni sembrano vivi. Quando nota Eva prova subito qualcosa per lei, non se lo sa spiegare e diventa il soggetto di ogni suo ritratto. Grazie a lui Eva scoprirà cos'è l'amore vero.

Ma il loro è un amore impossibile, eppure cominciano a incontrarsi di nascosto e piano piano oseranno di più. Quando però Eva capisce che Aleandro è l'uomo della sua vita e si dona a lui, non sa che quella sarà l'ultima volta che lo vedrà. 

Una situazione terribile costringe Aleandro a fuggire per salvare i suoi fratelli, ma verrà catturato dai nazisti e portato a Dachau.

Separati dalla guerra, l'amore che li unisce li porterà a cercarsi. Eva aiuterà come può le persone in difficoltà, non si perderà d'animo, Aleandro cercherà di sopportare la sua nuova situazione, cercando di sopravvivere per poter ritrovare Eva.

Un romanzo che fa tremare il cuore, un inno alla speranza. Una storia d'amore vera e sofferta, mi sono commossa in alcune situazioni, la penna dell'autrice è molto corale e mi ha completamente coinvolta.