Neméria. La Seconda Rivolta Degli Orchi “Le Cronache di Neméria” di Sara Cremini – RECENSIONE

18 Ottobre 2019 0 Di Rosalba
Book Cover: Neméria. La Seconda Rivolta Degli Orchi "Le Cronache di Neméria" di Sara Cremini - RECENSIONE

Carissimi Book Lovers, oggi vi parlo di un Fantasy che mi è piaciuto tantissimo “Neméria. La seconda rivolta degli Orchi” di Sara Cremini, la quale ringrazio per avermi inviato il libro – Venite a leggere le emozioni che mi ha dato.

 

Cinque razze popolano l'antico e affascinante mondo di Neméria: maghi, streghe, nani, elfi e orchi. Questi ultimi sono gli unici a non possedere alcun potere magico. Per questo motivo, il generale orco Krusher è deciso più che mai ad entrare in possesso della magia. Un potente oggetto, chiamato Token, potrebbe fare la differenza e portare gli orchi a prevalere sulle altre razze. Gli unici che possono opporsi a questo temibile nemico sono cinque giovani avventurieri: il mago Luis, la strega Anasawi, gli elfi Mairy e Kiran e il nano Gelawgi. L'esito di questo inevitabile scontro sarà nelle loro mani ed essi avranno bisogno di tutto il coraggio necessario per sconfiggere Krusher. Riusciranno a rimanere sempre fedeli ai propri princìpi? Un piccolo grande romanzo high fantasy che vi terrà incollati alle pagine, dalla prima all'ultima, con un finale improvviso e inaspettato che vi lascerà in trepidante attesa del capitolo successivo.

 

 

Neméria è popolato da cinque razze: maghi, streghe, nani, elfi e orchi. Mentre le prime quattro razze posseggono la magia, gli Orchi ne sono privi.

Per questo il generale Orco Krusher è deciso ad impossessarsi della magia, ma lo può fare solo rubando il Token, un oggetto magico molto potente.

Ma le altre razze si opporranno, ci sarà il mago Luis, la strega Anasawi, Mairy e Kimari elfi e Gelawgi, il nano.

Ognuno di questi personaggi ha le sue caratteristiche e sono descritti molto bene dall'autrice.

Luis ha diversi poteri, vive da solo con il suo cane Tibbs , quando viene chiamato per l'imminente pericolo non esita un istante a partire.

Durante il viaggio incontra Anasawi, una strega giovane che ha appena risvegliato i suoi poteri, ma non meno coraggiosa; si incontrano in una situazione particolare.

Mairy viene salvata da Luis e Anasawi e si unisce a loro nel viaggio e così anche il principe degli Elfi Kimari.

Durante il cammino, essendo un lungo viaggio e non potendo perdere tempo si  rivolgono al nano Gelawgi, mastro addestratore dei Draghi della Cavalleria.

 

Ogni personaggio in se mi è piaciuto, ognuno di loro ha un dono che usa per il bene di Neméria. Tra di loro si creerà un legame molto forte. Questo libro è stato un viaggio, un cammino intrapreso insieme  ai personaggi. La storia è costruita meravigliosamente bene e quando tutto sembra concluso il finale ci lascia col fiato sospeso e la trepidazione di leggere il secondo volume.

Voglio sottolineare che non manca la lezione di vita, proprio come le fiabe, infatti all'interno della storia, Luis, il più saggio, è colui che nella guerra che si svolge cerca sempre di fare il bene.

“Si tratta di scegliere da che parte stare. Se combattiamo per il bene, non possiamo comportarci male. Se vogliamo essere gli eroi, non possiamo comportarci come i cattivi. La differenza tra noi e Krusher è che per noi la vita ha un valore.”

 

 

Audiolibro Prologo

 

 

Estratto dal secondo libro de “Le Cronache di Neméria” di Sara Cremini

Il rumore stridulo dell'Audiochiglia si ripropose e poi tutto tacque. La Sala era stranamente silenziosa. Ognuno dei presenti stava cercando di assimilare quanto aveva appena ascoltato. Jaken interruppe nuovamente le loro riflessioni.

«Elias dice che un qualche incantesimo si sta attivando al di sotto del palazzo. Di che diamine stava parlando?»
«Non è possibile!» sussurrò la Regina Mairy.

Quel sussurro fece tremare le viscere di Luis più di quanto lo avrebbe fatto un urlo disperato. Osservò l'elfa, che era sbiancata e si era appoggiata al muro più vicino per evitare di cadere.

«Non può essere vero. Erano tutte sciocchezze, favole, leggende! Non ci ho mai creduto!» proseguì lei, sempre più scioccata.

Sembrava stesse parlando più a se stessa che a loro, quasi come se si trovasse da sola nella stanza. Kiran le si avvicinò con dolcezza e le prese la mano. Questo gesto sembrò risvegliare Mairy dal suo torpore. La donna iniziò a guardarsi attorno spaesata.

«Tesoro, che sta succedendo?».

Kiran accarezzò il viso della moglie e le diede il tempo di rimettersi. Poco dopo lei riuscì a rispondergli: «La leggenda dei demoni.»