L’uomo che tutto sapeva di Greta Guerrieri – RECENSIONE

2 Gennaio 2021 0 Di rosa78gervasi
Book Cover: L'uomo che tutto sapeva di Greta Guerrieri - RECENSIONE

Carissimi Book Lovers, oggi vi parlo di "L'uomo che tutto sapeva" di Greta Guerrieri - Leggete la mia recensione.

 

Scheda Tecnica

  • Titolo: L'uomo che tutto sapeva
  • Autore: Greta Guerrieri
  • Data di Pubblicazione: 26 Aprile 2020
  • Genere: Narrativa
  • Casa Editrice: Independently Published
  • Pagine: 50
  • ACQUISTALO QUI: AMAZON

 

Sinossi

I ricordi ci accompagnano ad ogni passo, sono ombre del passato che ci portiamo dietro per scaldare il cuore.

La storia di un legame unico e profondo tra un uomo e una bambina che, nonostante l'età e le diversità, capiranno che nulla può dividerli.

L'autrice di questo libricino non è la Greta Guerrieri che alcuni di voi avranno conosciuto grazie ai suoi romanzi 'La Rosa Bianca di Serpente: L'inizio della Maledizione' e 'La Rosa bianca di Serpente: Destini Intrecciati', ma è una bambina rintanata nel passato. È nel ricordare ciò che era che lei vive, corre in quei campi che hanno segnato la sua infanzia e ascolta il fischiettare felice del nonno. E sì, perché oltre alla piccola, in questa storia, troverete la figura un uomo adulto, dolce, gentile, un contadino di altri tempi che non si sottrarrà mai dal suo compito: prendere per mano la nipote e farle scoprire la vita.

 

Greta ci racconta la storia bellissima del forte legame con suo nonno, ci racconta che sin da piccola è sempre stata con lui in campagna, imparando tantissime cose, perchè il nonno sapeva tutto e le spiegava passo passo i lavori che svolgeva. Greta cercava sempre di essere all'altezza della situazione, sveglia e pronta a fare quello che le diceva il nonno, per non deluderlo mai.

Sono tornata indietro negli anni leggendo queste poche pagine, anch'io spesso andavo con mio nonno e ho ricordi molto belli. Greta ci esprime tutto il suo sentimento, i bellissimi momenti vissuti col nonno che con gli anni sono un pò cambiati, lei è cresciuta, le visite al nonno non sono più assidue come prima, ma il sentimento non cambia, il volergli bene è sempre forte, un rapporto come questo il tempo non lo tocca. E forse sono proprio i ricordi quelli belli che ci scaldano il cuore e ci tengono per mano nei momenti bui.

Una bellissima storia che consiglio di leggere.