Le guerre delle donne di Emanuela Zuccalà – RECENSIONE

16 Giugno 2021 0 Di rosa78gervasi
Book Cover: Le guerre delle donne di Emanuela Zuccalà - RECENSIONE

 

Carissimi Book Lovers, oggi vi parlo del libro di Emanuela Zuccalà "La guerra delle donne", in collaborazione con la casa editrice Infinito Edizioni. Una raccolta di racconti strazianti, storie vere di donne che hanno subito soprusi e violenze.

 

Scheda Tecnica

  • Titolo: La guerra delle donne
  • Autore: Emanuela Zuccalà
  • Serie://
  • Data di Pubblicazione: 18 Febbraio 2021
  • Genere: Narrativa Contemporanea
  • Casa Editrice: Infinito Edizioni
  • Pagine: 270
  • ACQUISTALO QUI: AMAZON

 

Sinossi

L’abito bianco di Hope che cancella la sua schiavitù. Gli occhi allungati di Agnèse che fendono le tenebre di un conflitto cruento. Il grido di Lucy che abbatte l’omertà su un crimine di Stato.
Trenta donne. Trenta voci dall’Africa al Brasile fino all’Europa, unite nel dire no alle ingiustizie e alla violenza. In un intreccio di reportage giornalistico e colloquio intimo, le loro storie toccano i nodi più cruciali dei diritti femminili violati, regalandoci ritratti profondamente rivoluzionari e indimenticabili.

 

Le guerre delle donne di Emanuela Zuccalà è un saggio che raccoglie le storie di 30 donne, dall’Africa al Brasile fino all’Europa, con origini diverse ma accomunate dal fatto di essere vittime di soprusi, violenze e stupri.

30 voci che si uniscono, insieme a quella della scrittrice, in un unico grido contro la violenza di genere. Si tratta di storie di vita vera, in un intreccio di reportage giornalistico e colloquio intimo, da far gelare il sangue.

Nascere femmina è una condanna: l'atroce piaga dell'infibulazione, una forma di mutilazione genitale femminile, non risparmia nessuna e marchierà i corpi e la psiche delle giovani per sempre; le madri conoscono bene il dolore e le conseguenze del taglio ma la tradizione è più forte di tutto.

La determinazione e la bravura delle attiviste, delle professioniste della sanità pubblica e di chirurghi ammirevoli, aiutano le donne a ritrovare sé stesse, ad affrontare (perché non si potrà mai rimarginare) ferite del genere.

“Quando osservo le ferite sui corpi e dentro le anime delle donne mi chiedo se non si renda loro più giustizia parlando di diritti umani orribilmente violati – perché se certi abusi compiuti sulle donne fossero pensati tra le violazioni dei diritti umani, forse si comincerebbe a restituire alle vittime quella condizione di uguaglianza, di pari dignità, che l’abuso ha strappato loro. Liberando la sofferenza da qualsiasi categoria, compresa quella del femminismo”

Le testimonianze raccolte da Emanuela Zuccalà dimostrano quanto cammino e lotte ci siano ancora da fare: è un libro doloroso, da cui traspare, però, la forza e il coraggio di chi riesce a venir fuori da una condizione di subalternità, di chi non si arrende e combatte con coraggio e tenacia, per sé e per gli altri, contro le logiche del maschilismo e del patriarcato, denunciando a gran voce i diritti femminili violati.

 

 

Pubblicato:
Genres:
Tags: