La piccola erboristeria di Montmartre di Donatella Rizzati – Review Party – RECENSIONE

8 Febbraio 2022 0 Di rosa78gervasi
Book Cover: La piccola erboristeria di Montmartre di Donatella Rizzati - Review Party - RECENSIONE

Carissimi Book Lovers, oggi la nostra Lina ci parla del romanzo di Donatella Rattazzi "La piccola erboristeria di Montmartre", edito dalla casa editrice More Stories, in collaborazione con il blog Leggi Sogna Ama.

 

Scheda Tecnica

  • Titolo: La piccola erboristeria di Montmartre
  • Autore: Donatella Rattazzi
  • Serie://
  • Data di Pubblicazione: 21 Dicembre 2021
  • Genere: Romanzo Rosa
  • Casa Editrice: More Stories
  • Pagine: 435
  • ACQUISTALO QUI: AMAZON

 

Trama

Esiste un rimedio per il mal d'amore? Viola Consalvi, di professione naturopata, è impaziente di scoprirlo. Nonostante abbia poco più di trent'anni, la vita ha già colpito duro con lei, portandole via il marito. Così anche il suo lavoro in uno studio di medicina olistica ha smesso di interessarla, e quando tutto sembra sul punto di crollarle addosso capisce che la sola cosa da fare è tornare nella città che anni prima l'ha resa felice: Parigi, dove ha frequentato la scuola di naturopatia e dove, nascosto tra i tetti di Montmartre, c'è l'unico luogo in cui si senta davvero al sicuro, l'erboristeria delle sorelle Fleuret-Bourry. È in questo spazio magico, in cui il tempo sembra essersi fermato e le emozioni sono accolte e coccolate, stretta nell'abbraccio della saggia e materna Gisèle, che Viola comincia la sua nuova vita. In un curioso bistrot incontra il giovane Romain, un barista sbruffone e misterioso che, tra continui battibecchi e rappacificazioni, farà di tutto per portare al disgelo il cuore di Viola. Quando Gisèle chiede alla sua giovane collaboratrice di aiutarla a rilanciare il negozio, Viola ha un'intuizione geniale: offrire consulenze di iridologia, una disciplina antichissima e praticata dal suo ex marito, che, partendo dallo studio fisiologico degli occhi, indaga a fondo nell'individuo fino a svelarne la personalità.

 

Partecipo con molto piacere al reviewparty di questo romanzo, soprattutto perché ho trovato la storia molto particolare, forse non rientra nelle mie preferenze, però è stato interessante leggerla.

Viola ha  perso suo marito da poco, ad appena trent'anni, tanto dolore è troppo da gestire, e pian piano si sta lasciando morire non fisicamente ma emotivamente, al punto che nemmeno il suo amato lavoro da naturopata riesce a regalarle emozioni. Un unico sbaglio, un'unica diagnosi sbagliata, aumenta il senso di sconfitta che Viola prova verso sé stessa, verso quel marito che non c'è più,  e verso i suoi pazienti che sino ad allora erano stati la sua passione più grande. Così decide di tornare in un posto che l'ha vista felice, dove tutto il suo amore per la professione è nata: Parigi e la piccola erboristeria di Gisele. La donna accoglie Viola come un'amorevole zia, e la capisce come neanche i suoi genitori hanno mai saputo fare. Pian piano Viola riacquista fiducia in sé stessa e nella sua professione, giorno dopo giorno, lavorare all'erboristeria ricuce il suo rapporto con le persone, riacquista quell'empatia che pensava di aver perso per sempre ed incontra Romain, un uomo scontroso quanto sorprendente...forse proprio la persona giusta a cui concedersi per una seconda chance.

Questa è una storia che racconta di come Viola si rialza dopo un lutto così forte da non riuscire a vedere più neanche cosa le aspetti nel presente, figuriamoci nel futuro. Però i temi trattati sono tanti, e uno su tutti è la naturoterapia e lo studio dell'iride dell'occhio.

Questi sono argomenti che dividono da tempo le persone, io per prima le ritengo molto limitate, soprattutto perché nel mio caso, per esempio, la naturoterapia non potrebbe aiutarmi in alcun modo essendo allergica a quasi tutte le erbe, piante e fiori. Non vi nascondo che inizialmente ero scettica, poi durante la lettura ho apprezzato molto come l'autrice abbia equilibrato l'argomento inserendo tutti i punti di vista possibili e ho apprezzato ancora di più che non abbia cercato in alcun modo di forzare il pensiero altrui. Ha trattato l'argomento inserendolo in un contesto ben preciso, molto realistico dove viene appoggiato da alcuni, tra cui la protagonista e viene rispettato da chi ha un pensiero diverso. Inoltre mi è piaciuto come l'autrice ne abbia raccontato anche i risvolti emotivi, il legame che Viola instaura con i suoi pazienti riesce a curare il corpo e la mente, e inserire poi dei suggerimenti a noi lettori su come prenderci cura di noi stessi è stato davvero carino e istruttivo, anche per me che praticamente non posso mettere in pratica quasi nessuna proposta.

Ci ho tenuto a specificarvi ciò perché credo sia importante per l'approccio alla lettura, perché Viola è questo mondo, ci crede, ci vive e pagina dopo pagina, incontro dopo incontro ritroverà la forza di rialzarsi.

I personaggi secondari sono più di uno, e come in una mappa ben costruita arrivano al momento giusto. Gisele rappresenta quell'amica che un po' si sostituisce alla sicurezza della famiglia. Accoglie Viola nel suo abbraccio e cerca di aiutarla a muovere i primi passi verso una nuova esistenza. C'è Camille che da cliente si trasforma in quell'amica che le ridà quel brio e vitalità tipica della sua età e poi tanti altri che sarà bello scoprire di volta in volta.

Però non dimentichiamo l'amore. E Romian rappresenta proprio l'amore che Viola ha paura di vivere.

Sarò sincera la storia tra Viola e Romian è bellissima, perché lui è una doccia fredda di realtà per lei più e più volte, però ho trovato i tempi sbagliati. Questo è solo il mio pensiero, ma io non riesco proprio a pensare di potermi innamorare di nuovo dopo un anno o poco più dalla morte dell'amore della mia vita. Infatti mi è dispiaciuto che questa rinascita " amorosa" non abbia avuto tempistiche diverse.

Infine voglio spendere due parole sulla scrittura dell'autrice❤. Se non sbaglio è un romanzo d'esordio, e mi complimento con lei per tutto. Il suo stile è bello, coinvolgente e direi anche molto attento per una storia che ha saputo toccare vari argomenti importanti con delicatezza e realtà, permettendo al lettore di sentirsi parte della storia.

Sicuramente è stata una bella lettura, mi ha piacevolmente sorpresa e sono contenta di aver scoperto una nuova autrice.

 

 

Pubblicato:
Editors:
Cover Artists:
Genres:
Tags: