Il secondo lavoro di Babbo Natale di Michele D’Ignazio – RECENSIONE

17 Novembre 2020 0 Di rosa78gervasi
Book Cover: Il secondo lavoro di Babbo Natale di Michele D'Ignazio - RECENSIONE

 

Carissimi Book Lovers, oggi vi parlo del bellissimo libro per bambini di Michele D'Ignazio "Il secondo lavoro di Babbo Natale", una storia che ci porta nel meraviglioso periodo natalizio e ci regala un sorriso - Leggete la mia recensione.

 

Scheda Tecnica

  • Titolo: Il secondo lavoro di Babbo Natale
  • Autore: Michele D'Ignazio
  • Data di Pubblicazione: 5 Novembre 2019
  • Genere: Libri per bambini
  • Casa Editrice: Rizzoli
  • Pagine: 88
  • ACQUISTALO QUI: AMAZON

 

Sinossi

Babbo Natale, si sa, è uno stagionale, e gli è sempre andata bene così, finché per colpa della crisi non è costretto a cercarsi un secondo lavoro. Fosse facile! Il cameriere? No, Babbo Natale è troppo grosso e goffo. L'animatore? Troppo vecchio. L'operatore di call center? Non fa per lui. Ma proprio quando sta per perdere ogni speranza, Babbo Natale trova un mestiere perfetto. E scopre che non è mai tardi per realizzare i desideri. I propri, ma soprattutto quelli degli altri. Età di lettura: da 6 anni.

 

Ho letto questo libro la sera al mio bambino, prima di addormentarsi, una storia che ci porta nel mondo di Babbo Natale.

In questi tempi dove il lavoro diminuisce, anche Babbo Natale risente della crisi. Lui è uno stagionale e non si aspetta di certo di essere licenziato. Ma è quello che succede, perde il lavoro. Decide così di cercare un nuovo lavoro, ma ogni cosa che trova non è adatto a lui, vuoi perchè l'aspetto fisico non va bene, oppure perchè ha la barba, insomma di tanti colloqui è ancora senza lavoro. Fino a quando un giorno trova quello adatto a lui, il netturbino. Comincia così una nuova avventura per Babbo Natale.

La sua vicina Bice, non ha mai saputo che quella casa che vede dalla finestra, è di Babbo Natale. Da bambina ha inviato tantissime letterine, dove le richieste non avevano nulla a che vedere con le cose materiali, ma non ha mai ricevuto risposta.

Quelle lettere non sono mai arrivate, ma Babbo Natale le troverà con il suo nuovo lavoro e allora molte cose saranno chiare.

Ho amato tanto questo racconto, l'autore affronta un tema importante, la tecnologia sta sostituendo molte cose che ci hannno accompagnati sin da bambini, come ad esempio le lettere, sostituite dalle e-mail. Oppure le richieste dei bambini, anche quelle sono cambiate, oggi si dà molta importanza alle cose materiali. Vi consiglio assolutamente di leggere questa storia di Babbo Natale ai vostri figli, è un ottimo insegnamento.

Ringrazio ancora l'autore per avermi regalato questo libro, un dono prezioso.