Il mio segno particolare di Michele D’Ignazio – RECENSIONE

20 Maggio 2021 0 Di rosa78gervasi
Book Cover: Il mio segno particolare di Michele D'Ignazio - RECENSIONE

Carissimi Book Lovers, oggi vi parlo del bellissimo romanzo autobiografico di Michele D'Ignazio "Il mio segno particolare", edito dalla casa editrice Rizzoli.

 

Scheda Tecnica

Titolo: Il mio segno particolare
Autore: Michele D'Ignazio
Editore: Rizzoli
Genere: Libri per ragazzi

Data di uscita: 23 Marzo 2021

Pagine: 228
ACQUISTALO QUI: AMAZON

 

Sinossi

Michele nasce il 7 gennaio 1984. I suoi genitori non vedono l'ora di conoscerlo, di prenderlo in braccio, di portarlo a casa. Ma quando lo vedono per la prima volta restano stupiti! Sulla schiena il piccolo ha un neo gigante a forma di mantello, proprio come quello dei supereroi. Iniziano così mille avventure, dentro e fuori dagli ospedali, con medici, sale operatorie e infiniti rotoli di garza. Con ironia e leggerezza Michele oggi ci racconta la sua vita a pois, svelandoci le tante emozioni che ha vissuto e descrivendo tutti quei grandi che lo hanno aiutato quando lui era piccolo. Che gli sono stati accanto, con coraggio, sensibilità e allegria. E che gli hanno dato la spinta a diventare la persona che è oggi, uno scrittore attento alla bellezza di tutti i segni particolari e amico dei bambini, a cui non smette di raccontare storie. Età di lettura: da 10 anni.

 

Ho conosciuto Michele leggendo libri per bambini, mi piace come scrive e l'immensa immaginazione che riesce a contagiare chi legge. In questo nuovo libro l'autore ci racconta di sè, da quando è nato con un enorme neo sulla schiena e di quello che ha dovuto affrontare per rimuoverlo. 

"Il mio piccolo corpo sembrava una cartina geografica. La pelle bianca era il mare, e il grande e regolare neo un continente. E poi avevo tante, tentissime isole. Ero un mappamondo."

Nei primi mesi di vita Michele ha subito molti interventi, si è ritrovato spesso in un ospedale ad affrontare cose più grandi di lui, con genitori amorevoli sempre accanto. Mi piace il suo modo di descrivere questo segno particolare, il mantello del supereroe, oppure il fatto che sia nato con la valigia in mano perchè è dovuto spesso partire per trovare medici che potessero aiutarlo.

Così Michele va crescendo e il neo man mano diventa più piccolo, ma i sacrifici da fare sono davvero tanti, camminare con un palloncino sottopelle, andarci a scuola, sentirsi a disagio, essere guardato con curiosità. Tutte queste emozioni ha dovuto affrontare Michele, eppure non si è lasciato scoraggiare, ha continuato ad essere forte e a subire interventi. Ma anche lui arriva ad un punto della sua vita dove comincia a ribellarsi, non vuole più andare in ospedale, tutti quegli anni trascorsi in mezzo a camici bianchi adesso diventano un peso insopportabile, ha come una montagna davanti che non vuole più scalare. Però è assolutamente necessario per preservare la sua salute.

L'autore ci racconta con ironia ma anche con molta sensibilità i vari anni della sua vita trascorsa in ospedale a subire interventi per rimuovere il neo gigante, di come questi momenti della sua vita lo hanno cambiato e reso la persona che è oggi. Da tempo i bambini chiedevano a Michele di parlare di sè.

Non è stato sicuramente facile raccontare delle difficoltà vissute sin dalla nascita, ma lui ci è riuscito scrivendo con uno stile ironico, rendendo ogni momento vissuto, qualcosa di speciale. E' riuscito a farci vedere il lato positivo in ogni situazione, nonostante il dolore provato e i sacrifici. E' sicuramente un libro che sarà di aiuto per molti bambini.

Grazie Michele per le emozioni che mi hai dato e per le lezioni di vita. Lo consiglio assolutamente.

 

 

Pubblicato:
Editors:
Cover Artists:
Genres:
Tags: